Telefonini Xiaomi rubano i dati bancomat

mercoledì 18 Giugno 2014 - Internet

Telefonini Xiaomi rubano i dati bancomat Lo riporta la stampa locale, dopo denuncia di una donna

Gli smartphone della Xiaomi, una delle aziende più grandi al mondo del settore, sarebbero in grado di rubare dati personali dai bancomat attraverso comunicazioni wireless. Lo riporta lo Yangtse Evening News, un quotidiano di Nanchino nell'ex della Cina, ripreso dalla stampa di Taiwan. Una donna di Nanchino ha denunciato al giornale che il suo cellulare, posizionato nei pressi del bancomat, avrebbe preso i dati della stessa. Sullo schermo sono apparse le ultime dieci transazioni della carta, compresi totali e luoghi di transazione, che il numero del documento.

La donna ha giurato di non essere mai entrata sul suo account bancario dal telefonino. In Cina le carte bancomat hanno lo stesso numero del conto corrente. Il giornale ha verificato la denuncia della signora e ha scoperto che quando sul telefono è attivata la funzione di comunicazione di prossimità (Near Field Communication, Nfc) che funziona in wireless e a pochi centimetri di distanza - serve per scambiarsi informazioni sui contatti, app, foto e altro, oltre ad essere usato come telecomando - nel giro di due secondi e con la carta ad una distanza di 10 centimetri dal telefono, è riuscita a leggere i dati contenuti nel microchip della carta. Dalla Xiaomi nessun commento, se non il fatto che alla donna è stato detto di spegnere la funzione Nfc.

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle