Fiori d'arancio per Simone Moreira

giovedì 30 Settembre 2010 - Cronaca

Fiori d'arancio per Simone Moreira Saranno fiori d'arancio entro Natale per Simone Moreira, la donna brasiliana accusata di aver ucciso la figlioletta Giuliana gettandola nelle acque del Monticano ad Oderzo.

Simone Moreira sta per convolare a nozze. Già miss pentita, poi mamma imputata, ora promessa sposa. Ieri sera la 23enne è rientrata in Italia dalla vacanza in Brasile con il nuovo fidanzato: l’imprenditore milanese che, ha confidato la giovane agli amici e agli avvocati, diventerà «prima di Natale» suo marito.

La donna, che presto avrà la cittadinanza italiana, dunque potrebbe finire, in un momento così difficile dal punto di vista giudiziario, per coronare due sogni in una sola volta. Simone Moreira infatti non aveva mai nascosto di voler portare a studiare in Italia il figlio Lucas e di fermarsi a vivere qui.

Dell'imprenditore non si sa molto: si chiama Stefano, è più vecchio e più basso di lei, è a capo di società nel settore della grande distribuzione e risiede nella zona di Milano. Un legame recente il loro, intrecciato grazie alla comune conoscenza dei coniugi Burigo, che fin dalla scarcerazione da Baldenich ospitano a Belluno la 23enne. Proprio nel capoluogo montano i due erano stati visti passeggiare, mano nella mano, durante l’estate. Ma il rapporto della nuova coppia sarebbe così forte, dicono, da convincere la ragazza al fatidico (e suo primo) sì. «Quello che voglio - aveva detto ancora la giovane in primavera - è cambiare veramente vita. Avere un altro figlio? In questo momento non ci penso, perché il dolore per la morte di Giuliana è ancora troppo forte dentro di me. E poi ho sempre Lucas da crescere. Ma chissà, magari un giorno sì». Intanto c’è ancora un processo da vivere. Prossima udienza il 5 ottobre.

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle